15

DICEMBRE, 2017

Claudio Simonetti’s Goblin in Concerto al #VenerdiCampus

Special Live:

CLAUDIO SIMONETTI 

– GOBLIN in Concerto –

al #VenerdìCampus

TimeLine:

Ore 21.00 : Apertura Porte 

Ore 22.30:

CLAUDIO SIMONETTI 

GOBLIN in Concerto 

A seguire: Dj Set 

Marco Pipitone

Prevendite attive (15€ + d.p.) Da Lunedì :

– Sul circuito CiaoTickets e OnLine da Lunedì

– presso il Campus Industry (dal lunedì al giovedì dalle 18:00) 

– presso la tabaccheria “Al Campus” ( http://ow.ly/G1qU308gbfU ). 

– presso Tabaccheria Panciroli Reggio Emilia (https://goo.gl/tVAy8e)

Per tutti coloro che arriveranno presso il CAMPUS INDUSTRY MUSIC dopo il concerto:

10€ comprensivo di consumazione.

CLAUDIO SIMONETTI:

Se Stephen King è universalmente conosciuto come il “Re del brivido”, Claudio Simonetti è altrettanto inequivocabilmente conosciuto come il “Re delle colonne sonore da brivido”. Basta citare la celebre musica di “Profondo rosso” di Dario

Argento, diventata nel tempo la musica horror per eccellenza.

A celebrare una carriera lunga e ricca di successi, anche internazionali e non solo nell’ambito dei film thriller, lo scorso 7 settembre è uscito “Claudio Simonetti Il

ragazzo d’;argento”. Oltre alle colonne sonore di molti film di Dario Argento e altri maestri del genere come Lamberto Bava e Ruggero Deodato, realizzate con i suoi Goblin, ha

inoltre scritto le prime pagine della storia della disco music italiana, lanciando artisti come Easy Going e Vivien Vee, e ha composto la musica del celebre successo mondiale “Gioca Jouer” firmato da Claudio Cecchetto.

Ancora oggi, la sua musica gode di un ampissimo seguito che trascende i confini generazionali, geografici e di genere, facendo collezionare ai suoi Claudio Simonetti’s Goblin concerti sold out in Europa, Stati Uniti e Giappone.

BIOGRAFIA CLAUDIO SIMONETTI’S GOBLIN

Dopo una lunga e fortunata carriera, Claudio Simonetti torna calcare i palchi con la sua band, riproponendo i maggiori successi dalle colonne sonore scritte per i maestri dell’horror come Dario

Argento e George Romero e dalle pietre miliari del rock progressivo come Roller e Il Fantastico Viaggio del Bagarozzo Mark.

Sold Out a Belfast, Oslo, all’Union Chapel e all’Electric Ballroom di Londra, al Gorilla di

Manchester, a Milano, al Musklerock Festival (Svezia), un vero e proprio trionfo al Roadburn

Festival (Olanda) con il personale invito di Mikael Åkerfeldt degli Opeth… questi sono solo alcuni

dei successi dei Claudio Simonetti’s Goblin, dal 2014 in tour in tutto il mondo.

I Goblin vengono fondati agli inizi degli anni ’70.

All’inizio del 1975 vengono chiamati da Dario Argento. Il

successo supera ogni aspettativa: più di un milione di copie vendute, e oltre 52 settimane nelle charts italiane (singoli e album) che segnano l’inizio di un lungo periodo ai vertici della popolarità

nazionale. L’ anno successivo i Goblin realizzano Roller.

Nel 1977 la band è scelta ancora una volta da Dario Argento per il suo Suspiria, che diventa un cult.

Nel 1978 ottengono un nuovo successo incidendo la colonna sonora del film horror Zombi diretto da George Romero.

Nel corso degli anni successivi, dopo una serie di cambiamenti nella formazione, i Goblin si sciolgono temporaneamente, nonostante le parziali riunificazioni per Tenebrae (1982) e Non Ho Sonno (2000) di Argento. Nel 2013, Claudio Simonetti decide di riprendere le redini della band fondando i Claudio Simonetti’s Goblin, con cui grazie alla celebrazione del quarantennale del cult movie Profondo

Rosso (1975), la colonna sonora che li ha resi famosi, ritorna sul palco. Un successo straordinario che ha permesso

alla band di Claudio Simonetti di portare la propria musica nel mondo con risultati spesso oltre la più ottimistica delle previsioni. Due volte sold out a Londra e diversi altri in Inghilterra. E quindi

Dublino, Oslo, Norvegia, Olanda, Finlandia, Austria, Ungheria e Stati Uniti, paesi dove il genere “horror” e i film di Dario Argento sono un cult. Un risultato che dà tutta la misura dell’efficacia del

live act del gruppo.

Pin It on Pinterest

Share This